CareerNews.it   |   CareerTv.it   |   CarrieraIn.it   |   FormazioneIn.it   |   MasterIn.it

Lo stage post Master avvicina i laureati al lavoro

19 apr 2012 Nessun commento
Lo stage dopo il Master per avvicinare gli allievi al lavoro

Il criterio forse più importante nella scelta del Master è rappresentato dalla presenza o meno dello stage finale che costituisce un’importante opportunità di confronto con la realtà professionale. Il tirocinio è infatti un periodo di formazione sul campo, ovvero presso un’azienda, che fornisce un’occasione di conoscenza diretta del mondo del lavoro oltre che di acquisizione di una specifica professionalità.

Attraverso lo stage, si ha infatti la possibilità di entrare nel vivo della realtà aziendale e di acquisire quelle conoscenze ed esperienze professionali che le scuole e le università non forniscono quasi mai. Lo stage rappresenta, quindi, un credito formativo necessario a chi entra per la prima volta nel mondo del lavoro.

Per comprendere la validità di un percorso formativo è indicativa anche la presenza di un servizio placement di qualità che aiuta a comprendere la percentuale dei diplomati del Master che a distanza di un anno, o sei mesi, ha trovato lavoro.

Se, infatti, per gli studenti in cerca del primo impiego, lo stage rappresenta l’occasione concreta per conoscere il mondo del lavoro e mettere finalmente in pratica le competenze acquisite; per i professionisti, invece, è importante conoscere il network di aziende convenzionate con l’ente di formazione e informarsi sulla presenza di un servizio efficiente che possa essere d’aiuto per il ricollocamento professionale.

Prima di intraprendere un percorso di formazione è opportuno perciò informarsi, magari in maniera diretta, scrivendo una e-mail ai responsabili del master e chiedendo il valore percentuale del placement, su quale periodo è stato calcolato e se nel dato occupazionale sono compresi gli stage oppure no.


Scrivi un commento