CareerNews.it   |   CareerTv.it   |   CarrieraIn.it   |   FormazioneIn.it   |   MasterIn.it

Due scuole italiane nella classifica MBA del FT

01 feb 2011 Nessun commento
mba-financial-times

Le business school, al pari delle imprese, hanno necessità di puntare sull’innovazione, soprattutto in questo periodo di crisi: puntare a diversificare i programmi, valorizzando in particolare l’internazionalizzazione ed avanzare proposte formative che tengano conto della continua evoluzione dell’economia e della società.
Le scuole che riescono a raggiungere questi obiettivi sono quelle che si piazzano ai primi posti nell’annuale classifica che il Financial Times redige per giudicare i migliori Master MBA del mondo.
Per il 2011 sono due le scuole italiane presenti in graduatoria: SDA Bocconi e School of Management del Politecnico di Milano. Un risultato importante per la formazione di eccellenza del nostro Paese entrare con due scuole in questa classifica prestigiosa, capeggiata come gli anni precedenti dalla London Business School, dalla Wharton (University of Pennsylvania), da Harvard, dalla francese Insead e da un’altra università statunitense, Stanford.

La classifica viene compilata sulla base di una ventina di parametri, raggruppati in tre macro-aree: i salari degli studenti e gli sviluppi della loro carriere dopo aver frequentato l’MBA, la diversificazione e l’internazionalizzazione dei programmi, il livello della ricerca. Nella graduatoria di quest’anno la SDA Bocconi si posiziona al 28° posto, mentre raggiunge il 96° posto la School of Management del Politecnico di Milano, ma anche quest’ultimo posizionamento assurge a risultato prestigioso, in quanto si tratta di un nuovo ingresso in classifica. Ovviamente entrambe le scuole esprimono, attraverso i propri esponenti di punta, viva soddisfazione per i risultati raggiunti, frutto di investimenti in ricerca e didattica e di notevoli dosi di impegno e determinazione.

Il prestigioso ed autorevole giornale economico londinese segnala che le business school stanno affrontando una competizione sempre più intensa e globale, come dimostra una classifica in cui la presenza di scuole americane e britanniche si riduce con il parallelo aumento di scuole appartenenti a paesi emergenti. Un dato importante registrato dagli esperti  che hanno redatto la graduatoria attesta che un numero sempre maggiore di partecipanti ai Master in Business Administration utilizza le conoscenze acquisite non tanto per farsi assumere da importanti aziende, quanto per divenire essi stessi imprenditori.


Scrivi un commento