CareerNews.it   |   CareerTv.it   |   CarrieraIn.it   |   FormazioneIn.it   |   MasterIn.it

La sfida di Lisbona: a che punto siamo?

03 gen 2011 Nessun commento
lisbona

Nel marzo del 2000 a Lisbona il Consiglio Europeo rese noto il proprio obiettivo di sviluppo dell’Unione Europea, la cosiddetta Strategia di Lisbona, affermando che entro il 2010 la UE sarebbe stata “l’economia della conoscenza più competitiva e più dinamica del mondo, capace di una crescita economica sostenibile, accompagnata da un miglioramento quantitativo e qualitativo dell’occupazione e da una maggiore coesione sociale”.

4 gli obiettivi, nello specifico, che ci si era dati rispetto al tasso di occupazione ipotizzando un tasso generale pari al 70%, un tasso femminile pari al 60% e un tasso senior (per senior si intende la fascia di età 55 - 64 anni) pari al 50%.

Il tasso di disoccupazione sarebbe stato invece pari al 4%.

Questi traguardi non sono però stati raggiunti: secondo l’Eurostat, l’Ufficio Statistico della Comunità Europea, il tasso di occupazione generale si attesta infatti al 64%, (56,6% in Italia), il femminile al 56%, il senior al 44%.

Il tasso di disoccupazione, infine, registra il 10% (8,4% in Italia).

Probabilmente le aspettative erano eccessive e 10 anni di tempo pochi per ottenere risultati simili alla luce, tra l’altro, di una crisi economico finanziaria che certo non ha aiutato.

Fatto sta che l’Unione Europea non può darsi una pacca sulla spalla e deve ora pensare a nuove strategie e a nuovi strumenti adeguati a gestire un mercato del lavoro scostante, frammentato, in continuo cambiamento.


Scrivi un commento