CareerNews.it   |   CareerTv.it   |   CarrieraIn.it   |   FormazioneIn.it   |   MasterIn.it

Il futuro dei laureati tra “Regole” e “Meritocrazia”: intervista a Roger Abravanel

22 nov 2010 Nessun commento
Abravanel-regole

Un manager di successo, una storia accattivante e molti consigli per il futuro dei neolaureati. Questi gli ingredienti dell’intervista rilasciata da Roger Abravanel a CareerTv; una ricetta inedita e interessante per parlare di temi cruciali nel futuro del nostro sistema nazionale.

L’ingegner Abravanel – libico di nascita ma italiano d’adozione – ha alle spalle una formazione tecnica, un Master in Business Administration di alto livello e una carriera più che trentennale presso la società di consulenza McKinsey & Company. Prima principal e poi director dell’azienda americana occupa attualmente posti di rilievo in diversi consigli d’amministrazione.
Autore della celebre pubblicazione “Meritocrazia” è da poco uscito il suo ultimo lavoro editoriale: “Regole”.
Le sue collaborazioni con il Ministero della Pubblica Istruzione lo rendono interlocutore privilegiato per temi quali la formazione universitaria e la carriera nel mondo del lavoro.

Intervistato da Franco De Rosa, Abravanel ha affrontato un ampio ventaglio di temi legati alla professionalità e agli strumenti formativi offerti alle nuove generazioni nel nostro paese.
“Meritocrazia”, pubblicato nel 2008, ha avuto il grande merito di vivacizzare il dibattito, anche politico, intorno al tema delle opportunità concesse alla futura forza lavoro nel nostro paese.
Il volano di idee scatenato dalla pubblicazione ha suggerito importanti linee guida per la classe dirigente italiana. Attualmente però, chiarisce Abravanel, se l’Italia intende garantire ai propri giovani prospettive concrete è necessario che si trovi un equilibrio tra le regole che devono diventare “il vero motore dello sviluppo”. Da questo la sua ultima pubblicazione, “Regole”, che trae spunti fondamentali proprio dalla necessità normativa del mondo industriale italiano.

Lo sviluppo – uno dei temi al centro della conversazione – è in mano alle nuove generazione di laureati.
Secondo Abravanel sono proprio questi ultimi a poter garantire prospettive meno nere al sistema nazionale. Per farlo, però, si devono attenere ad alcune regole utili nella vita personale come in quella lavorativa.

-  “Credere nel valore della laurea

-  “La carriera inizia con la scelta delle migliori università

-   “Acquisire competenze della vita, magari attraverso il no-profit

-  “Capacità di vivere in un mondo globale

Queste, insieme all’indipendenza personale che si acquisisce con esperienze di vita lontano da casa, le caratteristiche richieste ad un neolaureato che voglia avere successo nel mondo del lavoro dei nostri giorni. Abravanel non lascia spazio a dubbi.
Le possibilità per crescere professionalmente dopo la formazione universitaria esistono: è merito delle persone saperle sfruttare.

Qui di seguito è possibile vedere l’intervista completa all’ingegner Roger Abravanel.


Scrivi un commento