CareerNews.it   |   CareerTv.it   |   CarrieraIn.it   |   FormazioneIn.it   |   MasterIn.it

A Ciascuno il suo Master

17 ott 2010 Nessun commento
A Ciascuno il suo Master

La differenza tra Master per neolaureati ed executive si ripropone in merito alla calendarizzazione delle lezioni. I primi sono full-time: l’allievo è tenuto a frequentare i corsi per non meno del 70% del programma (in alcuni casi si arriva anche all’80%), alternando momenti nozionistici a prove pratiche. I secondi, invece, vengono strutturati sin dall’origine per rispondere alle necessità di chi è già occupato, prescindendo – a meno di specifica richiesta dell’allievo- dall’offerta di stage. Il calendario solitamente impone la presenza in aula nella parte finale della settimana, con moduli che vanno dal venerdì mattina al sabato mattina o dal venerdì pomeriggio al sabato pomeriggio. Altri momenti di approfondimento vengono delegati alle modalità di apprendimento a distanza, che sempre più spesso sono presenti anche nei Master per neolaureati. Ci sono, poi, programmi formativi che consentono di scegliere tra la formula part-time e quella full-time.

È il caso del Master in Auditing e Controllo Interno organizzato dall’Università di Pisa. L’unico in Italia (sono appena quattro in Europa) che lInstitute of Internal Auditors, organizzazione mondiale di professionisti che svolgono l´attività di internal auditing, ha inserito nel Programma Iaep “Internal Auditing Educational Partnership”. Giunto alla 14esima edizione, consente di scegliere tra la formula con frequenza a tempo pieno (destinato a laureati in Economia e discipline simili) e quella part-time (laureati già inseriti in aziende private o pubbliche in qualità di responsabili di sistemi di controllo interno e/o gestionale o nella libera professione). “Il mio consiglio”, spiega il direttore del Master Giuseppe D’Onza, “è di puntare su corsi già rodati, che abbiano rapporti consolidati con il mondo aziendale, non solo come stage, ma anche come sbocchi lavorativi. Un utile esercizio per capire se l’offerta formativa è valida”, prosegue, “consiste nell’approfondire il successo o meno degli allievi che hanno preso parte alle precedenti edizioni”.


Scrivi un commento