CareerNews.it   |   CareerTv.it   |   CarrieraIn.it   |   FormazioneIn.it   |   MasterIn.it

Puntare su Internet e Curriculum per farsi conoscere dalle aziende

10 apr 2008 Nessun commento
Puntare su internet e curriculum per farsi conoscere dalle aziende

Il curriculum è l’arma vincente per farsi apprezzare dai selezionatori: occorre curarlo in tutti i particolari per emergere nella vasta schiera di candidature che ogni giorno arrivano in azienda.

Ne è convinto Sandro Sereni, senior partner di MPS Italia, società di Executive Search di Gi Group.

D: Le statistiche pubblicate sulla stampa offrono un’immagine in chiaroscuro delle opportunità occupazionali nel settore human resource: qual è la sua impressione sulla situazione attuale?

R: Dopo un periodo di stallo, coincidente con la crisi del mercato del lavoro tra il 2002 ed il 2004, oggi stiamo assistendo ad una notevole ripresa delle risorse umane e più in generale di tutte le funzioni di staff. Ciò vale sia per le realtà aziendali che per quelle consulenziali.

D: Quali sono le lauree più gettonate per trovare lavoro nel settore?

R: Quelle di taglio economico, che garantiscono un’ottima apertura mentale alle questioni di business, unita a una comprensione dei fenomeni quantitativi, come lettura di un bilancio o di un conto economico. Sono tenute in considerazione anche le lauree in materie umanistiche, purché integrate con corsi o master volti ad approfondire le conoscenze dei contesti aziendali. In ogni caso, alla fine la differenza la fa la persona.

D: A proposito di differenze: quali sono le qualità che deve avere il neolaureato per far colpo sul selezionatore?

R: Deve dimostrare di essere una persona vivace, dinamica, intraprendente, con ottime doti relazionali e pronta a mettersi in gioco. Sono molto graditi i neolaureati che terminano gli studi nei tempi previsti e che, possibilmente, hanno già avuto esperienze di lavoro.
Molto meglio un giovane laureato con 100 che conosce le lingue e ha alle spalle uno stage, piuttosto che un quasi trentenne con votazione eccellente e nessuna esperienza professionale.

D: Molti giovani, dopo la laurea, non sanno come muoversi. Che consigli si sente di dare?

R: Il neolaureato ha, oggi, uno strumento importantissimo come Internet. Deve quindi saperlo sfruttare in ogni sua forma: inviando il curriculum direttamente alle aziende attraverso i loro siti, monitorando i vari portali che pubblicano inserzioni e rispondendo in maniera mirata agli annunci.
Il modo più diffuso per entrare nel mondo del lavoro è lo stage, che permette da una parte all’azienda di valutare il potenziale della persona e dall’altra al candidato di capire se ha scelto o meno il giusto percorso. Ma ciò che più conta è costruire un percorso coerente con i propri interessi professionali.


Scrivi un commento