CareerNews.it   |   CareerTv.it   |   CarrieraIn.it   |   FormazioneIn.it   |   MasterIn.it

Il remote working (lavorare in remoto, a distanza)

11 lug 2010 1 commento
Il-remote-working-(lavorare-in-remoto,-a-distanza)

Più produttivi lavorando da casa con il remote working

Il telelavoro è una modalità occupazionale di recente acquisizione, dovuta in particolare allo sviluppo della tecnologia informatica che consente di trasmettere grandi quantità di dati fra computer situati perfino in nazioni differenti.

Offrire ai propri dipendenti la possibilità di lavorare in remoto rappresenta un nuovo stimolo per i lavoratori stessi. La motivazione dei dipendenti, il costo dello spazio in ufficio, l’aumento dei prezzi della benzina e il traffico o le condizioni atmosferiche sono elementi che spingono i manager ad adottare una politica su questo tipo di lavoro.

Avviene quindi che sempre più aziende, anche se soprattutto all’estero – in Italia, infatti, il telelavoro vive ancora un periodo pionieristico in cui le domande superano le risposte – si avvalgano di collaboratori che svolgono il lavoro richiesto non dalla sede aziendale ma dalla propria abitazione.

Il fatto che una connessione Internet sia oggi accessibile ovunque rende il lavorare a distanza una cosa possibile e vantaggiosa dal punto di vista dei costi e della produttività del team.

Laddove le problematiche di comunicazione assorbono parte dell’energia, la flessibilità del lavoro da remoto compensa ampiamente gli svantaggi mantenendo bassi i costi di logistica.

Ma il telelavoro non è solo domiciliare, può avvenire anche in una sede aziendale “satellite”, può essere mobile, con il prestatore di lavoro che è libero di cambiare la propria postazione grazie a un computer portatile.


1 commento

  1. mirco scrive:

    e con il passare del tempo, con il costo della benzina sempre più alto, sarà una tendenza sempre più dilagante

    Rispondi

Scrivi un commento