CareerNews.it   |   CareerTv.it   |   CarrieraIn.it   |   FormazioneIn.it   |   MasterIn.it

Crisi mondiale “atto secondo”: Quali scenari per la finanza e per l’economia reale

16 giu 2010 Nessun commento
Crisi-mondiale-atto-secondo-quali-scenari-per-la-finanza-e-per-l-economia-reale

A più di venti mesi dall’inizio del primo terremoto finanziario – manifestatosi (dopo una lunga incubazione) con il fallimento di Lehman e il salvataggio pubblico di AIG – siamo nel mezzo di un secondo terremoto, molto diverso dal primo ma non per questo meno pericoloso.

Sotto attacco dei cosiddetti mercati, questa volta, sono gli stati nazionali: rei, anche a causa dei salvataggi effettuati, di avere le finanze spesso in disordine. Per l’UE, e in particolare per l’eurozona, la situazione è ancora più delicata: perché viene messa in dubbio, per la prima volta concretamente e non solo come speculazione astratta, l’idea che possa esistere una moneta unica in assenza di una “rete di protezione politica” che eviti che le crepe tra i diversi paesi si trasformino in burroni non più colmabili.

Cresce la preoccupazione che la ripresa dell’economia reale, che stava iniziando a manifestarsi, possa subire un arresto. Cresce la preoccupazione che il default degli stati in maggior difficoltà contagi le banche degli altri stati e apra una nuova stagione di salvataggi. La perdita di valore dell’euro rispetto al dollaro, conseguenza di questa situazione di disagio, presenta d’altro canto anche aspetti positivi: perché permette una maggiore potenza di fuoco alle nostre imprese esportatrici, che tanto peso hanno nella formazione del PIL.

Sul palco ci saranno gli stessi docenti del Politecnico e del MIP che, davanti a un pubblico che ambedue le volte (ottobre 2008 e marzo 2009) occupava interamente due delle più grandi aule dell’ateneo collegate fra loro, commentarono la natura dei problemi e le prospettive nei momenti caldi del primo terremoto. La partecipazione è gratuita, previa registrazione obbligatoria


Scrivi un commento