CareerNews.it   |   CareerTv.it   |   CarrieraIn.it   |   FormazioneIn.it   |   MasterIn.it

Opportunità nel Trade Marketing

21 mag 2010 Nessun commento
PG.8-9_cristoferi

Quando si tratta di indicare il settore più dinamico sul fronte delle opportunità lavorative in questa fase, Giuseppe Cristoferi indica senza esitazioni il Trade Marketing. Il managing partner italiano di Elan International lo fa, forte dell’esperienza ultradecennale maturata nel settore dell’Head Hunting e dopo aver valutato le recenti dinamiche del mercato, che segna una leggera ripresa dopo un biennio difficile.

D: Perché indica proprio il trade marketing?

R: In un contesto di mercato che resta difficile, è uno dei pochi settori a “tirare”. Questo perché il rapido processo di concentrazione dell’apparato distributivo in Italia, unito all’aumento della concorrenza che si verifica in ogni settore, ha condizionato direttamente il rapporto tra industria di produzione di beni di largo consumo e distribuzione, spostando il baricentro sempre più verso quest’ultima.

D: Cosa fa nello specifico un Trade Marketing Manager?

R: E’ una figura che affianca il Product Manager, secondo il principio che la coerenza interna del marketing mix deve essere analizzata non più in relazione al prodotto, ma al cliente/canale. Il Trade Marketing Manager è responsabile delle attività che presiedono all’analisi, alla pianificazione e al controllo delle politiche di marketing indirizzate all’apparato distributivo.

D: Quali sono i requisiti richiesti per entrare nel settore?

R: Innanzitutto un titolo di laurea in Economia e Commercio ottenuto con una buona votazione, quindi la conoscenza delle lingue straniere, la propensione al rischio e all’internazionalità. Sarebbe utile anche un’esperienza pregressa nel campo del marketing, anche solo a livello di stage formativo.

D: Quali sono i livelli retributivi nel Trade Marketing?

R: Spesso il rapporto di lavoro parte da uno stage, con la previsione di retribuzioni limitate. Con l’aumento dell’esperienza si cresce abbastanza velocemente, tanto da arrivare a una media di 50-60mila euro lordi annui di media dopo sette-dieci anni, oltre a eventuali parti variabili legate ai risultati conseguiti.


Scrivi un commento