CareerNews.it   |   CareerTv.it   |   CarrieraIn.it   |   FormazioneIn.it   |   MasterIn.it

Stage decisivo per specializzarsi

14 mag 2010 Nessun commento
Stage decisivo per specializzarsi

Spesso vissuto con sofferenza dai giovani per i ridotti (laddove non inesistenti) compensi e la scarsa considerazione, lo stage può rivelarsi un ottimo strumento di crescita delle competenze professionali. A patto che l’azienda ne sposi in pieno la sua funzione originaria e non si limiti a farne ricorso con il solo obiettivo di risparmiare sul costo del lavoro.

Abbiamo parlato del tema con Chiara Errigo, Hr Recruiting Manager di Crif, società che si occupa di informazioni creditizie.

D: Come va attualmente la domanda di mercato nel settore Hr?

R: In linea con gli altri settori, sta vivendo una fase di difficoltà. Sul mercato vengono ricercate principalmente persone con competenze forti e sono importanti le esperienze maturate in realtà complesse o multinazionali.

D: Quali sono i settori che tirano di più?

R: In generale, i profili più ricercati sono nell’ambito dell’amministrazione del personale, della ricerca e selezione, ma anche della Compensation & Benefit. Ci tengo a sottolineare come sempre più è diventato importante la conoscenza di ambiti e dinamiche non solo italiani ma anche esteri.

D: Quali sono le lauree più gettonate per entrare nel settore?

R: Tutte quelle umanistiche (Scienze Politiche, Giurisprudenza, Psicologia e così via) ma anche Economia e Commercio. I master in genere danno una buona formazione specialistica oltre a rendere un po’ più concrete le teorie studiate all’università. Sicuramente sul mercato ci sono ottimi master in “Gestione delle Risorse Umane”, o in alternativa consiglio, a chi voglia intraprendere questa carriera, di fare un Mba che garantisce una formazione più generica.

D: Nel vostro caso, su quali profili vi orientate prevalentemente?

R: Siamo molto attenti ai nuovi collaboratori. Gli stage da noi sono davvero formativi e prevedono sempre un rimborso spese: i tirocinanti partecipano attivamente ai diversi processi Hr (dai colloqui di selezione all’organizzazione corsi) e, in questo modo, sviluppano conoscenze specialistiche concrete, che poi possono scegliere di spendere anche in altre realtà.

D: Quali le competenze ricercate nei giovani candidati?

R: Dal punto di vista personale, sono importanti spiccate competenze relazionali, voglia di darsi da fare, capacità di lavorare in gruppo; non può mancare una buona dose di dinamismo e flessibilità. Oltre a queste doti, è fondamentale una buona conoscenza delle applicazioni Office e della lingua inglese.

D: Quali sono i principali canali di ingresso al mondo del lavoro?

R: Il nostro headquarter è a Bologna e per questo abbiamo un collegamento diretto con l’Università locale. Inoltre partecipiamo a diversi career day e abbiamo una sezione del sito Internet dedicata alle candidature.


Scrivi un commento