CareerNews.it   |   CareerTv.it   |   CarrieraIn.it   |   FormazioneIn.it   |   MasterIn.it

L’indennità per malattia nel Contratto di Apprendistato

14 apr 2010 Nessun commento
contratto-apprendistato

L’estensione agli apprendisti delle prestazioni economiche di malattia comporta alcune particolarità, per quanto non espressamente previsto è necessario fare riferimento alle istruzioni in vigore per la generalità dei lavoratori dipendenti. Destinatari della prestazione sono i soggetti, operanti in qualsiasi settore di attività, assunti con Contratto di Apprendistato regolato con la Riforma Biagi, oppure dalla normativa precedente per le realtà territoriali nelle quali le disposizioni della Riforma non sono ancora operative, o per gli apprendisti assunti con contratto stipulato prima dell’entrata in vigore della riforma stessa.

L’apprendista ha l’onere di presentare o inviare all’INPS ed al datore di lavoro, entro il termine perentorio di due giorni dal rilascio, il certificato e l’attestato di malattia compilati dal medico curante. In caso di presentazione o invio del certificato di malattia oltre il termine di legge, si applica la sanzione della perdita dell’intera indennità relativamente alle giornate di ritardo, salvo serio ed apprezzabile motivo giustificativo del ritardo addotto e adeguatamente comprovato dal lavoratore. Ai fini della misura della durata e dei limiti della prestazione di malattia trova integrale applicazione la disciplina vigente per i lavoratori subordinati assunti a tempo indeterminato, nel rispetto del limite massimo di 180 giorni per anno solare previsto.

La tutela economica della malattia opera dunque per tutti gli apprendisti, indipendentemente dalla qualifica funzionale che gli stessi abbiano acquisito, o a cui è finalizzato l’apprendistato. Per gli eventi indennizzati a titolo di malattia deve essere riconosciuta agli apprendisti la contribuzione figurativa, secondo le regole previste per la generalità di lavoratori subordinati. Alcuni Contratti Collettivi prevedono già l’erogazione all’apprendista di trattamenti di malattia a carico del datore di lavoro.


Scrivi un commento