CareerNews.it   |   CareerTv.it   |   CarrieraIn.it   |   FormazioneIn.it   |   MasterIn.it

IT, le professioni che sfidano la crisi

02 feb 2010 Nessun commento
IT-le-quattro-professioni

La vera rivoluzione della New Economy sta iniziando adesso. A dieci anni esatti dall’annunciato avvio di una nuova era, seguito a breve giro di boa dalla disillusione per i tanti progetti Web falliti, le chiusure e il crollo delle società tecnologiche quotate in Borsa. Basta confrontare gli strumenti utilizzati oggi in un qualsiasi ufficio con quelli in voga all’inizio del nuovo secolo per comprendere la portata del salto realizzato.
Nonostante due crisi finanziarie e i tanti insuccessi di iniziative basate sulle tecnologie, ormai e-mail, Web 2.0 e Social Network sono variabili decisive nella vita di molte aziende. Dal punto di vista lavorativo questo scenario cambia le carte del gioco: si stanno affermando nuovi metodi di azione, responsabilità e professionalità, mentre altri perdono vigore.
Con il contributo di Dario Brivio, responsabile della divisione Technology di Page Personnel (agenzia per il lavoro tra le più importanti a livello internazionale), abbiamo delineato le figure professionali più ricercate in ambito tecnologico.

Analisti in pole position
In cima alle richieste in questa fase di mercato ci sono gli Analisti tecnico-funzionali. “Si tratta di un profilo richiesto in maniera trasversale rispetto al settore del business aziendale e sanità all’energia e ai comparti aziendali (contabilità, logistica, risorse umane e così via)”, esordisce Brivio. “Il suo compito principale consiste nell’analisi e la mappatura dei processi aziendali informatizzati, con l’obiettivo di innovarli, semplificarli e renderli più efficienti”.
Trattandosi di una figura specialistica, è solitamente ben delineato anche il percorso formativo per accedere alla professione. Nella stragrande maggioranza dei casi a ricoprire questo ruolo è un laureato in Economia o in materie tecniche (Informatica, Ingegneria Gestionale e simili). Proprio la specializzazione richiesta spiega i livelli retributivi, che risultano sopra la media di mercato sin dai primi passi della carriera: “La sua retribuzione annua lorda va dai 25 mila € per i profili junior ai 35 mila € per quelli con maggiore esperienza”, precisa il manager di Page Personnel. Queste figure sono richieste prevalentemente da società medio-grandi “caratterizzate da un’elevata strutturazione e segmentazione dei processi interni”. Quanto alle altre figure con cui si interfacciano nel lavoro quotidiano, l’esperto mette al primo posto il Direttore It o, in alternativa, il Manager del dipartimento all’interno del quale lavorano. Il contatto con figure cardine dell’azienda costituisce un’opportunità importante anche per i giovani neoassunti perché consente loro di mettersi in buona luce e candidarsi a rapide progressioni di carriera. L’altra faccia della medaglia è rappresentata dall’importanza di non fare gravi errori, con il rischio di pagarli immediatamente.


Scrivi un commento