CareerNews.it   |   CareerTv.it   |   CarrieraIn.it   |   FormazioneIn.it   |   MasterIn.it

Come si svolge l’Assessment Center

15 apr 2009 Nessun commento
assessment_center_2

Convocati per un’intera giornata di prove, non sarete soli ma in compagnia di altri candidati per un massimo, tendenzialmente, di 10 persone. A valutarvi saranno psicologi e professionisti provenienti dall’area risorse umane. Potrebbero essere presenti però anche altre figure aziendali, ad esempio il responsabile del settore in cui verrà inserito il candidato.

Molti dei valutatori non proferiranno parola: il loro compito è osservarvi e registrare i vostri comportamenti compilando apposite griglie di screening, materiale su cui poi si confronteranno per elaborare le loro considerazioni su voi candidati. Ma non preoccupatevi, tempo pochi minuti e non farete più caso alla loro presenza, piuttosto concentratevi sulle prove e incanalate su queste tutta la vostra attenzione e le vostre energie.

Nel corso della giornata, infatti, verrete sottoposti a diversi test di gruppo perché ciò che ai selezionatori interessa è indagare le vostre capacità di inserimento, socializzazione, mediazione, negoziazione e gestione dei conflitti, leadership e followship che inevitabilmente emergeranno man mano che vi coinvolgeranno in esercitazioni legate alle dinamiche di gruppo o vi chiederanno esplicitamente di risolvere un concreto caso aziendale. E mentre voi sarete impegnati in tali esercitazioni, i selezionatori valuteranno come prendete la parola, come presentate e argomentate il vostro punto di vista, se e come ascoltate quello degli altri, se siete in grado di favorire la discussione, se tendete ad assumere il ruolo di leader o di gregario, se raggiungete l’obiettivo assegnato al gruppo ovvero e come ognuno di voi ha contribuito a tale conclusione.

L’assessment center da spazio anche a prove individuali quali la somministrazione di questionari e test di personalità o il colloquio a due dove potrebbero non solo, naturalmente, approfondire quanto emerso nelle prove di gruppo e la vostra motivazione e le vostre aspettative rispetto alla posizione ricercata ma anche testare le vostre conoscenze linguistiche e tecniche se esse sono richieste come competenze in ingresso. Giungete così al termine della giornata che dovrebbe prevedere anche un momento di feedback sia richiestovi dai selezionatori (come avete vissuto, come vi siete sentiti in questa situazione di recruiting?) sia datovi dai valutatori stessi (anche solo rispetto al prosieguo dell’iter selettivo).

Detto questo rimane un dubbio: come affrontare tutto ciò? Non esiste un modo giusto o sbagliato di farlo. L’unico suggerimento è di gestire la giornata con lucidità e rispetto per gli altri: non colpirete l’attenzione di nessun selezionatore (se non negativamente) comportandovi in modo aggressivo e caparbio o, al contrario, in modo passivo e poco partecipe.

Si pensa spesso, erroneamente, che le aziende selezionino solamente persone caratterizzate, ad esempio, da una forte attitudine al comando e alla leadership e così ci si sforza, in sede di valutazione, di comportarsi come ci si immagina farebbe appunto un leader. I selezionatori però sono molto preparati e si accorgono subito di forzature del genere valutandole negativamente. Ancora una volta, ricordatevi che la miglior strategia è avere consapevolezza di sé e mostrarsi con autenticità.


Scrivi un commento