CareerNews.it   |   CareerTv.it   |   CarrieraIn.it   |   FormazioneIn.it   |   MasterIn.it

Fiere e congressi a caccia di professionisti

06 nov 2007 Nessun commento
Fiere e congressi a caccia di professionisti

Al vertice c’è il manager della fiera, chiamato a sovrintendere l’intera organizzazione e coordinare decine di collaboratori. Quindi ci sono gli specialisti nell’organizzazione dell’ospitalità, gli addetti ai rapporti con il mercato, il travel coordinator e gli amministrativi. Il boom di fiere e congressi registrato negli ultimi anni ha fatto impennare le richieste di professionisti in questo settore, portando alla nascita di nuovi mestieri e al rinnovamento di quelli esistenti. Entrare nell’organizzazione di questi eventi è l’aspirazione di molti neolaureati, che possono così mettere alla prova le conoscenze apprese sui banchi di scuola, cimentandosi in una professione in continuo movimento.

Il primo ambito di lavoro del sistema fieristico riguarda l’ospitalità, con l’emergere della professione di travel manager. In sostanza un esperto di viaggi e spostamenti chiamato a coordinare tutti gli aspetti logistici dei partecipanti vip. In particolare il suo lavoro si svolge nei confronti di ospiti, relatori ed espositori che giungono dall’estero. Garantirne l’ospitalità in modo confortevole significa creare un precedente positivo per un ritorno l’anno successivo o magari una sponsorizzazione. Una volta che l’ente organizzatore ha stabilito un budget per ciascun partecipante, compito del travel manager è mettere a punto ogni aspetto del viaggio, cercando il miglior equilibrio tra qualità del servizio e costi. La laurea in Economia è valutata con particolare favore dai selezionatori, ma non è indispensabile. Fondamentale è, invece, la conoscenza di una seconda lingua straniera oltre all’inglese, una certa familiarità con la reportistica e i budget e una grande capacità organizzativa. Oltre, naturalmente, alla resistenza a situazioni di stress che puntualmente si verificano durante il lavoro. Di solito l’ingresso nella professione avviene tramite il contatto con un’agenzia di organizzazione fieristica, mentre alcuni travel manager senior lavorano come free-lance.

Il marketing è probabilmente il settore che ha registrato le maggiori novità negli ultimi anni. Una figura professionale sconosciuta fino a poco tempo fa è il mailing and database manager, vale a dire colui che cura i rapporti con le associazioni, le aziende e gli espositori implementando azioni di direct marketing e mailing via Internet. La laurea in Economia o quella in Statistica sono i percorsi di studio più indicati, anche se non sono precluse occasioni di crescita per chi ha studiato Lingue e Scienze della Comunicazione. Al di là del percorso di studio, è fondamentale per fare carriera una predisposizione per il lavoro in team e la capacità di relazionarsi con altre figure impiegate nel settore. È il caso, ad esempio, del marketing manager e il product manager. Il primo sovrintende tutta la promozione dell’evento fieristico, mentre il secondo stabilisce le strategie di successo del prodotto fiera.

Passando dal marketing all’area commerciale, un ruolo sempre più importante è svolto dallo specialista dei rapporti con il mercato, che di solito arriva da una formazione economica. Il suo compito è di assicurare all’organizzazione nuovi clienti e di fidelizzare quelli già acquisiti. La conoscenza delle tecniche di contrattazione è fondamentale per svolgere questa professione così come la conoscenza dell’inglese e di un’altra lingua straniera, che consentono di entrare a contatto con il maggior numero possibile di portatori di interessi.

Al vertice dell’organizzazione c’è poi il manager della fiera, al quale è affidata la responsabilità di garantire il perfetto funzionamento di tutta la macchina organizzativa. L’esperienza richiesta nel settore taglia fuori da questo profilo i neolaureati. Si tratta della posizione apicale, che si può raggiungere dopo una decina di anni di lavoro in una qualsiasi delle altre mansioni.

Nell’ambito amministrativo opera anche l’esperto tecnico della segreteria, che si occupa delle attività organizzative a supporto degli espositori. Le sue attività possono variare in funzione della struttura organizzativa, passando da funzioni puramente gestionali e contabili ad attività di customer care. Requisiti fondamentali per svolgere la professione sono una conoscenza avanzata dell’inglese, la padronanza dei principali software di gestione e la capacità di coordinare gruppi di persone al lavoro su singoli progetti.

Negli ultimi anni è in forte crescita anche la domanda di manager congressuali. Si tratta dei professionisti chiamati ad assicurare il pieno successo di un evento, in termini di partecipazione, qualità dei relatori e seguito da parte dei media. Per diventare manager congressuali è fondamentale da una parte conoscere l’argomento oggetto della conferenza, dall’altra possedere l’esperienza necessaria per gestire tutti gli aspetti organizzativi.

Leggi anche: Flessibilità e conoscenza lingue le armi vincenti

Link utili per la tua formazione powered by MasterIN.it


Scrivi un commento